Perché Crypto è più popolare che mai: Parla il co-fondatore di JST Capital

Scott Freeman parla delle opzioni crittografiche, delle tendenze del mercato nel 2020 e altro ancora.

Il 2020 è stato un anno enorme per la crittografia. Dall’inizio dell’anno, l’incertezza globale ha fatto rabbrividire il mondo finanziario. Le turbolenze, così come i massicci pacchetti di stimolo che ne sono scaturiti, potrebbero aver cambiato in modo permanente il corso della storia economica mondiale.

Una delle conseguenze degli eventi economici di quest’anno è stato l’afflusso di investitori nei cosiddetti „asset alternativi“, poiché gli investitori sono sempre più alla ricerca di nuovi posti per trovare il rendimento. Per molti investitori, questa ricerca di rendimento li ha fatti approdare direttamente sui mercati delle valute criptate.

Recentemente, i Magnate della Finanza hanno parlato con Scott Freeman, co-fondatore di JST Capital, di questo afflusso di nuovo denaro in crypto. JST Capital è una società di servizi finanziari specializzata nel mercato delle attività digitali, al servizio di aziende, fondazioni e individui di alto valore.

Scott, che ha un background nel mondo finanziario tradizionale, ha anche parlato degli effetti degli sforzi di stimolo del governo sull’economia, delle tendenze attuali nei mercati di cripto, e del lavoro con cui JST Capital è impegnata.

Prima di fondare JST, Scott è stato co-fondatore e Managing Partner di Tachyon Capital Management, un fondo speculativo quantitativo. È stato anche Amministratore Delegato di Bank of America, dove ha supervisionato le attività di trading elettronico in valuta estera della società.

Scott ha anche lavorato come avvocato presso la Federal Reserve Bank of New York e ha lavorato per diversi anni come procuratore presso l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.

Questo è un estratto. Per ascoltare l’intervista completa dei Magnate della finanza con Scott Freeman, venite a trovarci su Soundcloud o Youtube.

Opzioni di criptaggio a leva per guadagni a lungo termine

Abbiamo chiesto a Scott in che modo i cambiamenti nelle tendenze del mercato hanno influenzato le opzioni crittografiche, che sono una parte importante delle operazioni di JST Capital. „Facciamo trading per il nostro libro e, cosa ancora più importante, lavoriamo con i clienti per aiutarli a utilizzare le opzioni per generare rendimenti o per gestire meglio il loro bilancio“, ha detto Scott.

„[…] Ci sono molte persone in questo ecosistema che sono sedute su una grande quantità di crittografia“, ha detto. „Persone che sono state sedute su di esso per anni e che hanno molta della loro ricchezza netta legata ad esso, e stanno cercando modi per aumentare il rendimento di quel bene“.

Allo stesso tempo, „vogliono rimanere a lungo sull’asset“, ha spiegato Scott. „Persone come queste sono spesso interessate a strutture di opzioni in cui generano premi“. Forse rinunciano a qualche vantaggio o rinunciano a qualche svantaggio, ma a seconda della loro tolleranza al rischio e del loro profilo, lavoriamo con i clienti per aiutarli a generare rendimenti aggiuntivi sui loro asset“.

Scott ha spiegato che questo gruppo di titolari di crypto che sono stati seduti su grandi somme di cripto sono alcuni dei clienti ideali di JST, individui o entità che „sono seduti su un grande bilancio di attività e non vogliono necessariamente vendere tali attività“. Questo può includere anche gli emittenti di gettoni, così come le fondazioni all’interno dello spazio di cripto-valuta.

„Siamo grandi credenti che nel tempo, come ogni altro bene, si valuterà la vostra capacità di guadagnare denaro su quel bene quando si prende una decisione di investimento, come quando si acquista un’azione o un’obbligazione, si ha una certa aspettativa di ritorno su quel bene, si farà la stessa cosa con crypto.

„Se potete possedere Bitcoin e sapete che potete bloccare un ritorno del 5-7%, questo aumenterà o migliorerà la vostra capacità di investire effettivamente in Bitcoin“.

Nel marzo del 2020, „la paura e l’incertezza generale del mercato hanno fatto breccia nello Spazio del Cripto

Inoltre, abbiamo chiesto a Scott informazioni su altre tendenze che potrebbero influenzare il mercato. „La tendenza più recente che è stata molto interessante ha a che fare con la volatilità – il cripto è un asset molto volatile, molto più di qualsiasi altro asset in cui la gente spera di investire“, ha detto.

Tuttavia, „nell’ultimo mese o giù di lì, abbiamo visto un decadimento delle volatilità del cripto“, ha detto, una tendenza che JST Capital „ha molti dibattiti interni e con i clienti sul fatto che continuerà.

„Generalmente pensiamo che le volatilità scenderanno da dove si trovano, ma ci aspettiamo che ci saranno ’shock‘ al sistema dove le volatilità oscillano“, ha detto. „Ci aspettiamo che a lungo termine, man mano che la crittografia si normalizza sempre di più come asset e che un numero sempre maggiore di persone la commercializza, tenderà ad essere una classe di asset meno volatile“.

„È interessante notare che da marzo, quando COVID ha colpito e i mercati si sono venduti in modo piuttosto aggressivo, crypto, a quel punto, è diventato abbastanza correlato con altri asset. Penso che fino ad allora abbia operato nella sua bolla.

„Quando il mondo è sceso a picco, e la gente ha iniziato a vendere tutto, si è vista la stessa cosa in crypto“, ha detto.

„[…] La gente si spaventava. Quando c’è paura nel mercato, la tua prima reazione è quella di andare in contanti, di andare a qualcosa che è stabile al 100% e che sai che non puoi perdere“.

Questo vale soprattutto per gli investitori che detengono posizioni con leva finanziaria: „se sei long Bitcoin, e hai una leva finanziaria di quattro o cinque a uno, inizi a tagliare le tue posizioni, anche se non ne esci completamente, riduci la tua leva finanziaria, passi alla cassa“.

„La paura e l’incertezza generale del mercato si sono riversate nello spazio cripto, il che è razionale“, ha detto. „È stata una risposta razionale a un tempo irrazionale“.

Inoltre, „A un certo livello… si vede che il cripto viene usato come un’altra risorsa di rischio: quando le persone si assumono il rischio nel mercato, si vede un po‘ di quel cripto che sanguina nello spazio cripto, che non avevamo mai visto prima del marzo di quest’anno“.

Mentre i trader si insediano, la volatilità e la leva finanziaria diminuiscono

Scott ha anche detto che crede che ci sia stato „un po‘ di de-leveraging.

„Penso che la gente abbia davvero fatto leva sull’estate“. Hanno visto il crypto come un bel modo per ottenere una resa aggiuntiva“, ha detto. Questo aumento della leva finanziaria ha aumentato un po‘ della volatilità che era presente nello spazio di cripto durante l’estate.

„Abbiamo visto molto di quel leverage uscire dal mercato ora“, ha continuato, „guardando la nostra analisi degli interessi aperti, delle posizioni di opzioni e cose del genere“.

Come questo deleveraging ha continuato a verificarsi, così anche la volatilità dei mercati cripto è diminuita. „Potremmo discutere su quale sia il leader dell’uno e quale quello dell’altro“. E‘ la minore volatilità che fa diminuire la leva finanziaria, o la minore leva finanziaria che fa diminuire la volatilità?“. Chiese Scott.

In entrambi i casi, „abbiamo visto entrambi questi fattori scendere negli ultimi due mesi“.

Non si riesce a trovare rendimento da nessuna parte in questi giorni

Tuttavia, nonostante le fluttuazioni della volatilità dei mercati delle valute criptate, c’è stato un aumento del numero di investitori che si sono diretti verso lo spazio delle valute criptate, in particolare da quando la Federal Reserve ha iniziato l’allentamento quantitativo come parte dei suoi sforzi di stimolo legati al COVID all’inizio di quest’anno.

Scott ha spiegato che questo è dovuto al fatto che gli investitori sono affamati di rendimenti, che sono pochi e lontani tra loro: „abbiamo visto un aumento degli investitori che cercano il rendimento. Non si riesce a trovare il rendimento da nessuna parte in questi giorni“.

„Il mondo è sommerso dal denaro in questo momento“, ha detto. „La gente ha solo bisogno di un posto dove metterlo, e di comprare una banconota da dieci anni e guadagnarci 70 punti base, o di comprare azioni di Apple che quest’anno sono quadruplicate. Non sono proprio i posti migliori in cui metterla, al giorno d’oggi“.

„Quindi, è interessante notare che abbiamo visto un aumento del numero di richieste di informazioni che abbiamo avuto da parte dei clienti riguardo all’investimento nell’ecosistema cripto. La gente vuole sapere che tipo di rendimento può ottenere. E i rendimenti che possono generare sono piuttosto buoni, in relazione a quanto sta accadendo sul mercato“.

„In passato, dove la gente non voleva affrontare alcune delle anomalie dell’ecosistema crittografico (il modo in cui funziona la custodia, il modo in cui funziona il trading, il modo in cui funzionano gli scambi; la mancanza di una regolamentazione coerente). Penso che le persone siano più a loro agio con questi rischi ora“, ha detto.

„Si sentono più a loro agio a investire beni in questo ecosistema perché i rendimenti altrove sono così anemici in questo momento“.

Venti nelle vele di Crypto

Scott ha detto che vede la tendenza verso il cripto continuo: „pensiamo che ci siano molti ‚venti di coda‘ per noi che la sostengono.

„Per prima cosa, l’ambiente normativo sta diventando molto più favorevole: c’è molta più trasparenza, ci sono molti più regolatori che stanno dando chiare indicazioni su dove sono le loro linee di ciò che si può e non si può fare“.

Inoltre, „i clienti stanno valutando i clienti e le istituzioni che hanno un quadro normativo chiaro. Quindi, se siete regolamentati, noi lo consideriamo un vantaggio competitivo“, ha detto, „e i clienti pensano che sia un vantaggio competitivo“.

C’è anche un’espansione massiccia che si sta verificando nella criptovaluta al momento: „pensiamo anche che la crescita dello spazio Defi sia stata enorme negli ultimi sei mesi“, ha detto. „Pensiamo che sarà un’enorme evoluzione“.

Questo è un estratto. Per ascoltare l’intervista completa dei Magnate della Finanza, venite a trovarci su Soundcloud o Youtube.